oldfab

il sito di Fabrizio Oldrini

A2060/Spectrum/X-Surf/Multivision aggiornato al 08-07-2007

Attenzione, questo progetto è stato poi trasformato in Tower  e poi smontato e venduto pezzo per pezzo.

Il mio A2000-B


Non avevo mai avuto un Big Box Amiga, poi un giorno mi telefona un tale Walter, che mi regala un A2000!
Che sballo, ma subito capisco che la strada dell'espansione è irta di ostacoli, sopratutto perchè questo è un A2000-A, il primissimo tipo, sviluppato in Germania, basato sulla scheda madre dell'A1000: ha solo 512KB di chip-ram, l'Agnus è del tipo DIP (come nell'A1000), mancano dei segnali sul bus Zorro e quindi la prima espansione/controller che compro, un Octagon 2008, non viene riconosciuta (la ram si, ma il controller SCSI no).
Va beh, dopo un po' lo vendo, come anche l'Octagon.
Passa un po di tempo e su Ebay un tipo di un paese in provincia di Bergamo mi offre un A2000.
Vinco l'asta e mi porto a casa un A2000-B (conosciuto anche come B2000) rev 6 con espansione/controller GVP Impact A2000 HD8+ Series II, HD da 500MB, monitor, le scatole originali, i manuli e il manifesto guida di installazione, il tutto per 45 euro (ritiro a casa sua).
Ecco, qui finalmente si ragiona, finalmente un A2000 standard, facilmente espandibile, con 1 MB di chip-ram e l'ECS.
Inoltre, controllando la scheda madre, vedo che su di essa sono già state fatte le modifiche per farla diventare rev.6.2.
Subito ci installo il kickstart 3.1 (40.68) e il 3.9 con BoingBags e porto l'Impact a 8MB di ram.
Poi su Ebay trovo uno che mette all'asta una Blizzard 2060 con 64MB di ram.
Uau!, nuova, ma esaurita, www.virtualworks.it l'ha in listino a 300 euro senza ram e io fino a quella cifra sarei anche disposto ad arrivare!
Così me l'aggiudico a circa 250 euro spedizione dalla Germania compresa.
Incredibile, come la installo (hard & soft) e ci collego l'HD, tutto va liscio senza intoppi.
Ahh, che gusto, la velocità del 68060, a cui sono abituato col mio A1200, anche sull'A2000!
Ovviamente svendo subito il controller GVP Impact.
Ma poi ci vuole la scheda video, sennò....
Questa me la procura Michael Rubisch dalla Germania, mi pare attorno agli 80 euro spedizione compresa.
E' una GVP EGS 24/28 Spectrum con 2MB di video-ram, manuale e dischi originali.
L'installazione va liscia, ma il software EGS non è proprio il massimo, quindi installo Picasso96 e tutto diventa perfetto.
Nel frattempo mio cugino Paolo mi ha regalato un monitor LCD Relisys 17", quindi vedere il Workbench 800x600 65000 colori è una soddisfazione!
In realtà mi accorgo che il monitor ha dei limiti, evidentemente è troppo schizzinoso verso le frequenze di refresh che la Spectrum gli manda. Immagino che con un tranquillo CRT avrei anche più risoluzioni a disposizione, ma il vantaggio dell'LCD stà nel poco spazio che occupa, e quindi per adesso resta lì.
Vabbè, ma se volessi andare in Internet come già faccio con l'A1200?
Mi ci vuole una scheda di rete per collegarlo al mio Router D-Link.
Questa volta mi compro una X-Surf  della Individual Computers, nuova, acquistata da www.gurumeditation.se, in totale una settantina di euro, se non ricordo male (Cazzo! Quanti soldi spesi fin'ora, e non è ancora finita!)
E' la versione economica, lo si capisce perchè ha una sola porta IDE a bordo.
Una volta installata, Genesis la riconosce subito, e sono in Internet con un click.
Al controller IDE collego un HD da 6 GB e funziona tutto OK..
Un'altro vantaggio della X-Surf è che ha 2 porte clock (uguali a quella dell'A1200) e un connettore dedicato a specifici prodotti della casa costruttrice, per cui le possibilità di espansione sono ampliate.
In effetti, potrei comprarmi una Delfina Lite, scheda audio per l'A1200, così sarei a posto, ma  costa circa 120 euro più spedizione.
Ho poi acquistato una bridgeboard GoldenGate386SX, che comunque non mi ha soddisfatto molto e, dopo un po' di esperimenti, ho rivenduto.
Poi mi sono comprato una Multivision2000, scan-doubler della  3-State, che mi permette di avere l'uscita video PAL sul monitor LCD (tramite l'ingresso pass-thru che ha la Spectrum).
Per questa devo ringraziare l'italiano Mousemiki.
Questa scheda ha a bordo anche un amplificatore audio stereo da 1 watt per canale.
Ho dovuto smanettarci un po' per utilizzarlo, prima perchè ho scoperto che il chip ampli era fritto, e l'ho cambiato (meno male che è montato su zoccolo). Poi perchè quelli della 3-State evidentemente non si sono accorti di aver progettato la scheda con un difetto meccanico: le due prese audio mini-jack da 2,5mm (chissà perchè usare quel diametro invece del molto più comune 3,5mm, sopratutto negli anni in cui l'anno progettata!?) sono troppo attaccate al circuito stampato, con il risultato che se tu ci infili un jackino, non riesci ad infilarlo fino in fondo, se la scheda è installata nell'A2000, perchè la base del jack batte contro il bordo della feritoia sullo chassis dell'Amiga.
Quindi ho tolto le due prese da 2,5mm e ci ho saldato due spezzoni di filo schermato con due femmine volanti da 3,5mm, alle quali ho poi attaccato due casse 4ohm prese da un vecchio stereo.
Però questa particolarità della Multivision l'ho utilizzata ben poco, in quanto ci sono lievi ronzii che a volte aumentano a seconda del tipo di schermo che si utilizza. Non so, forse è un difetto della scheda madre e non del Multivision, ma tant'è, ho collegato l'uscita audio standard ad un buon ampli Hi-Fi Philips 305 (recuperato nell'immondizia) e mi ascolto così le radio Internet con AmiNetRadio.

Aggiornamento al 20-03-2007.
ho venduto la GoldenGate a Daniele Gratteri e resto in cerca di una scheda audio per l'A2000!

aggiornamento al 26-06-2007:
ho sostituito l'alimentatore originale con uno più piccolo (foto)

aggiornamento all'11-07-2007.
ho montato sul 68060 il radiatore che era sulla Viper 1260, ma con ventola da 12volt anzichè da 5volt (foto)

aggiornamento al 12-07-2007:
montata staffa porta HD sul lato sinistro, sopra gli slot ISA (foto)

aggiornamento al 27-07-2007
montato il fan controller Lian Li TR-3 (foto),  aumentata la ram a 112MB (3 SIMM FPM da 32MB e una  EDO da 16MB)

aggiornamento al 07-08-2007
fritto l'alimentatore Astec modificato (sigh! semplicemente non s'è più acceso) e rimontato l'ali originale, quindi ho tolto le foto.

LE FOTO, FINALMENTE!

Nota: le foto sono state fatte nell'arco di vari mesi, per cui mostrano alcune differenze da progetto finale.


L'A2000 finito e infilato dentro al dock di legno su cui c'è l'ampli audio e il monitor LCD. Sto ascoltando Guitar Channel con AmiNetRadio.




Appena prima di chiuderlo.
Da SX, i 2 HD SCSI montati in verticale sopra gli slot ISA, la scheda di rete X-Surf, coperto dal cavo SCSI 50 c'è un adattatore SCA 80-68-50, poi la scheda video GVP EGS 28/24 Spectrum, la Blizzard 2060 con 112MB di RAM.
L'alimentatore Astec modificato, il df0:, l'HD IDE collegato alla X-Surf , il fan controller Lian Li.
A DX dell'alimentatore la scheda scan-doubler Multivision 2000.





le ruote sotto lo chassis, incollate con un semplice bi-adesivo, così lA2000 posso estrarlo facilmente da sotto il dock di legno che sostiene l'ampli
audio e il monitor





Radiatore e ventola 12Volt sul 68060, per farceli stare ho dovuto segare via un pezzo della piastra porta floppy.
Il radiatore è quello di un 486, vedete i fermagli di plastica nera che sono leggermente allargati, perchè il 68060 è più grande del 486, ma più piccolo del Pentium 1; la ventola finale è una a 3 fili, comandata dal fan controller Lian Li





ecco un collage della staffa porta HD per occupare la zona vuota dellA2000, sopra agli slot ISA
dopo varie prove, ho usato un trafilato di alluminio, 1 metro sezione a L, da BricoCenter 2,40 euro
notare che ho piegato il connettore power_LED perchè toccava l'HD anteriore
quando e se ne avrò voglia, fisserò allo chassis anteriore la lamella indicata in FUCSIA
In seguito ho messo un'altra staffa di alluminio nella parte inferiore degli HD.
Nella foto, l'HD IDE collegato all'X-Surf è ancora nella busta antistatica, ma adesso è montato a fianco del df0:





il fan controller Lian Li messo in posizione: controlla la ventola CPU e un'altra, da 80x80, che raffredda gli HD SCSI (si intravede dalle fessure nel frontale). Ne può controllare una terza che non ho ancora posizionato, ha un orologio, un indicatore attività HD e una animazione per il Power On (potevano tranquillamente risparmiarsela, visto che il display è illuminato!)



Per il testo e le foto, il copyright è mio.